Chi sono

***

 
Cresciuta a Serra San Bruno, nel vibonese, preparo presto le valigie per Firenze, dove mi laureo in Archeologia Orientale, tuffandomi in un viaggio lontano, che mi porta a vivere e “scavare” tra i luoghi più antichi e suggestivi del Medio Oriente (Siria, Egitto e Israele).
 
Suggestioni di viaggio, paesaggi e volti dal fascino millenario, storie vere, che intrecciano Oriente e Occidente dal passato più remoto a un presente spesso drammatico e complesso, ispirano il mio narrare.
 

 

***

 
Antar (Vertigo Edizioni, 2018), racconta di un giovane uomo che porta il nome del proprio destino. Un’identità sospesa tra Firenze e Damasco, che si fa ponte inconsapevole tra culture e riallaccia il filo sottile della Storia.
Sette paia di scarpe (Rai Eri, 2014), fortunato romanzo d’esordio che si aggiudica, tra gli altri, il Premio Letterario Nazionale Rai “La Giara”, è una storia di passi perduti tra la polvere del Kurdistan siriano, alla ricerca di un segreto familiare e di un’arcaica verità umana.
Nel 2016 Sette paia di scarpediventa un reading musicale, sbocciato dalla collaborazione col cantautore cosentino Gaspare TANCREDI.
 

***

 
Sempre nel 2016 collaboro con l’Associazione Culturale “Passepartout.up” al progetto Erasmus Plus, laboratorio multilingue di scrittura creativa, che si traduce nello spettacolo teatrale My land is your land.
 
Seguono due racconti, nati entrambi da momenti di storytelling dal vivo: La casa delle parole (Bliber Edizioni, Collana Libri Erranti, 2018), per l’Associazione Culturale “Terra di Mezzo”, e Sui binari del tempo (2016), a bordo del Treno Storico della Sila, per Ferrovie della Calabria. 
 

***

Lascia un commento

*